Piante Depurative da Appartamento

0 115

Vorresti abbellire casa con delle piante ma non sai quale scegliere?

In questo articolo ti spiegherò quali sono le migliori piante depurative da appartamento.

Piante Depurative da Appartamento

Le piante da interni hanno diversi aspetti positivi:

  • rallegrano la casa grazie alla loro bellezza e al loro colore
  • donano alla casa un tocco esotico
  • regolano il livello di umidità degli ambienti
  • sono un’ottima terapia anti stress

Alcune di esse inoltre sono in grado di migliorare la qualità dell’aria che respiriamo all’interno delle nostre case, grazie all’azione di alcuni enzimi detti metilotrofi.

Secondo uno studio condotto alla fine degli anni ’80 dalla NASA, si è scoperto che le piante:

  • sono in grado di assorbire anidride carbonica e di rilasciare ossigeno attraverso la fotosintesi clorofilliana
  • neutralizzano sostanze organiche volatili (VOC) spesso presenti nelle nostre case

Aloe (Aloe Vera)

L’aloe, conosciuta come “pianta dell’immortalità“, è una pianta succulenta, capace di incorporare nei suoi tessuti molti liquidi che vengono assorbiti lentamente.

In questo modo l’aloe può sopravvivere anche in ambienti estremamente aridi.

Posizionando questa pianta vicino a una finestra ben illuminata, è capace di eliminare il benzene e la formaldeide.

Questa pianta non solo ha dei potenti effetti lenitivi ma è anche un’ottima pianta che purifica l’aria in camera da letto, in quanto emette ossigeno durante la notte.

Lingua di Suocera (Sansevieria Trifasciata Laurentii)

Questa pianta da interni è una delle più efficaci nel depurare l’aria.

La lingua di suocera è in grado di filtrare e rendere inoffensiva la formaldeide presenti in diversi prodotti per la casa, come prodotti per la pulizia o nella carta igienica.

Può essere sistemata anche all’ombra o in zone poco luminose.

Ficus (Ficus Benjamina)

Il ficus è una pianta molto diffusa che aiuta a filtrare diversi agenti inquinanti, come formaldeide, tricloroetilene e benzene.

Questa pianta deve essere posizionata in un angolo della casa dove c’è una buona esposizione solare e deve essere annaffiata regolarmene.

Può raggiungere i 30 metri di altezza ed ha delle foglioline color verde brillante ed una chioma densa.

Crisantemo (Chrysantheium Morifolium)

Il crisantemo è una pianta che generalmente viene associata al lutto, o comunque sia a contesti tristi, perché fiorisce a novembre, in concomitanza con il Giorno dei Morti.

In realtà questi fiori coloratissimi hanno un significato gioioso: in Oriente vengono regalati in occasione di matrimoni, comunioni e compleanni, mentre nel Regno Unito si regalano per la nascita.

Questa pianta non necessita di molte cure ma, per riuscire a fiorire ha bisogno di molta luce.

Esistono diverse varietà di crisantemo, ma tutte riescono a filtrare il benzene contenuto nelle plastiche, detersivi e nelle vernici.

Pothos (Scindapsus Aures)

Il Pothos è una pianta rampicante che può essere coltivata sia come ricadente che come rampicante, purché dotato di un tutore.

Questa pianta teme la luce diretta del sole, e quindi può tranquillamente essere posizionata lontano dalle finestre e in posti all’ombra.

Riesce a contrastare la formaldeide ed è consigliato posizionarla in garage, dove i gas di scarico ricchi di formaldeide non rendono l’aria pulita.

Gerbera (Gerbera Jamesonii)

La gerbera è una pianta da fiore ideale per rimuovere la trielina, presente nei capi d’abbigliamento lavati a secco.

E’ una pianta che necessita di molta luce, che può essere posizionata in lavanderia o in una stanza da letto, ma la notte è meglio rimuoverla dalla stanza in cui si dorme.

Edera Comune (Hedera Helix)

L’edera è una pianta rampicante robusta molto comune, capace di inibire la formaldeide (presente in diversi prodotti per la pulizia della casa), il biossido di azoto e polveri sottili.

Inoltre questa pianta è in grado di ridurre la diffusione di particelle inquinanti trasmesse con le feci degli animali domestici.

Le sue radici aeree, munite di ventose, possono attaccarsi ai muri e provocare danni all’intonaco, quindi è consigliato tenerle in una terrazza chiusa o in un jardin d’hiver.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.